Igiene dentale a Padova

La placca batterica appare come una pellicola biancastra che nel giro di poche ore si accumula sulle superfici dentali a partire dai resti di cibo e saliva. La sua permanenza da origine a un ambiente acido, che avvia la decalcificazione dello smalto, attivando il processo di formazione della carie. La placca batterica non curata può tramutarsi in tartaro che, se non rimosso, può portare a problemi via via più gravi fino alla caduta del dente.

Anche una piccola lesione allo smalto, se non adeguatamente trattata, può trasformarsi in una carie nel corso all’ incirca di un anno, per questo è molto importante sottoporsi a sedute di trattamento dentale almeno ogni sei mesi per rimuovere gli accumuli di placca e di tartaro , e in casi di eccessiva produzione anche ogni 3-4 mesi.

COMPILA IL FORM A FIANCO PER PRENOTARE UN APPUNTAMENTO

Il trattamento di ablazione del tartaro, (comunemente detta igiene dentale o pulizia dei denti), prevede la rimozione meccanica degli accumuli di tartaro sui denti, tra dente e dente, e sotto gengivale.
Si tratta di un trattamento ordinario a cui ci si sottopone per mantenere in buono stato lo la salute generale dei denti e dell’ intero cavo orale, e per proteggerli da carie e patologie come piorrea e gengiviti.

La pulizia dei denti professionale permette di arrivare alle zone meno facilmente raggiungibili con strumenti ordinari (spazzolino, filo interdentale, ..,). Il trattamento permette di rimuovere in maniera efficace e completa la placca ed il tartaro presente.

Gli igienisti che collaborano nel Centro San Leonardo a Padova durante la seduta di ablazione del tartaro, effettuano una vera e propria formazione sull’igiene dentale, insegnando le buone pratiche di igiene orale domiciliare da applicare autonomamente per evitare che si formino placca e tartaro, come ad esempio:

  • utilizzare un dentifricio al fluoro con azione protettiva e remineralizzante, e se possibile un colluttorio per effettuare sciacqui quotidiani.
  • passare il filo interdentale almeno una volta al giorno.
  • cambiare lo spazzolino una volta al mese affinché le setole rimangano sempre intatte.
  • ridurre cibi e bevande a base di zuccheri e alimenti appiccicosi.

L'Igienista, o l' odontoiatra preposto, valuta lo stato della salute orale analizzando e focalizzandosi principalmente sulle problematiche presenti come:

  • placca
  • tartaro (deposito calcareo sulla placca)
  • tasche (fessure tra dente e gengiva dove si possono accumulare dei resti di cibo)

Una volta individuate le zone su cui operare, l'igienista esegue la pulizia con un apposito strumento (ablatore) provvisto di punta metallica fatta vibrare mediante l'emissione di ultrasuoni. L'ablatore consente di rimuovere il tartaro dalle pareti dentali, sia sopra che sotto le gengive, comprese quelle posizioni che non si riesce a raggiungere durante la quotidiana pulizia dei denti.
Al termine del trattamento si passa uno spazzolino rotante che deposita una speciale pasta a base di fluoro per donare nuova lucidità allo smalto.

La pulizia dei denti andrebbe svolta almeno 2 volte l'anno, ed eventualmente ogni 3 o 4 mesi nei pazienti con parodontite cronica o con eccessiva produzione.
La pulizia dei denti non è dolorosa, ma può dare fastidio in caso di gengive infiammate. Nel caso che il paziente avverta un forte disagio è possibile valutare di pratica un'anestesia locale.

Dopo la seduta di igiene dentale, denti e gengive potrebbero presentare una sensibilità superiore al caldo e al freddo, o a getti di aria fredda, a causa dello sfregamento meccanico, destinata a rientrare al massimo nel giro di un paio di giorni.