Protesi dentali a Padova

Le protesi dentali sono dispositivi medici applicati per sopperire a una mancanza di singoli o molteplici denti oppure per correggere denti deteriorati. Esse permettono di ripristinare le funzionalità di singoli elementi dentali (corone) , oppure porzioni di arcate (ponti), oppure ancora intere arcate (protesi di varia natura, circolari, toronto bridge,..).

Le protesi o manufatti protesici permettono di tornare a sviluppare la medesima funzionalità masticatoria che si aveva in origine e l’estetica del sorriso persa nel tempo. Le protesi permettono al paziente di recuperare le piene funzionalità e le caratteristiche estetiche tali da restituire felicità e soddisfazione nel proprio aspetto e sorriso.
Le protesi vengono utilizzate in casi in cui il paziente è privo di alcun dente (edentulo) oppure per ripristinare solo alcune parti, con funzioni estetiche e al tempo stesso funzionali.

La protesi dentale dev’essere realizzata su misura per il paziente in modo da risultare perfettamente aderente alle caratteristiche del cavo orale: non vi devono essere delle incompatibilità nella forma e nei materiali utilizzati.

Abbiamo quindi corone e protesi realizzate nelle più differenti composizioni:

  • zinconia
  • ceramica integrale
  • disilicato di litio
  • composito
  • resina
  • metallo -ceramica (cromo cobalto)
  • altre tipologie sempre meno utilizzate , es. oro, ceramica…

che offrono al paziente uno spessore ridotto, una massima biocompatibilità e una pregiata resa estetica.

Le protesi dentali possono distinguersi in vari tipi.

Protesi dentali fisse a Padova

Le protesi fisse vengono applicate in modo stabile e sono concepite per essere utilizzate in modo definitivo. Possono essere composte da singole corone per sostituire un singolo dente, oppure da porzioni di arcata o più elementi (ponte), oppure faccette di tipo solitamente estetico, o protesi a sostituzione di intere arcate. Questi componenti vengono applicate all’interno del cavo orale cementate, con appositi cementi prima provvisori (tempbond o simili) e poi definitivi (harvard o simili), o avvitate , attraverso accessori protesici (componentistica) che ne garantiscono la stabilità.

Le protesi fisse possono essere impiegate in sostituzione di intere arcate, spesso vengono ancorate su impianti all-on-4 oppure all-on-6, cioè protesi fisse avvitate su 4 impianti oppure su 6 impianti. Il medico provvederà ad applicare in modo definitivo il manufatto attraverso l’ancoraggio con microviti strette su ogni singolo foro (breccia) alla sommità dell’impianto.

Le protesi fisse possono essere costituite da una variante formata dalle strutture removibili, cioè protesi applicate sugli impianti dentali attraverso degli accessori protesici che prendono il nome di locator o O’ring, i quali permettono alla protesi di rimanere fissa agli impianti, permettendo pero al paziente di rimuovere la protesi fissa con una semplice pressione e con un piccolo click senza dover ricorrere per forza all’intervento del dentista, al fine di poter procedere in autonomia ad una diretta pulizia con appositi prodotti.

Protesi dentali rimovibili a Padova

Le protesi dentali mobili si applicano ai denti residui oppure alle gengive e permettono di recuperare le funzionalità originari dell’arcata dentaria.
Queste tipologie di protesi permettono la rimozione autonoma da parte del paziente per consentire la corretta igiene orale e maggior flessibilità nel loro utilizzo.

Le protesi dentali rimovibili sono consigliate quando il paziente non presenta abbastanza materiale osseo oppure non si può agire su di esso. Le protesi mobili servono a sostituire una parte o l’intera arcata dentaria.

Protesi dentali parziali a Padova

Le protesi dentali mobili parziali presentano una porzione formata di resina con dei ganci che ne garantiscono la stabilità e che si applicano in aggancio agli elementi dentali naturali presenti.
Inoltre sono costituite da un’anima in acciaio che conferisce durevolezza alla struttura e prendono il nome di scheletrati. Queste protesi sono resistenti all’umidità, alle macchie e rimangono flessibili e quasi indistruttibili.
Le protesi dentali rimovibili parziali non si limitano alla sostituzione degli elementi assenti ma sono finalizzate ad agevolare la preservazione di tutte le sezioni dell’apparato masticatorio, dai denti rimanenti alle articolazioni.

Protesi dentali mobili totali a Padova

In alcuni casi, quando sono più presenti elementi dentali originari e/ o parte di essi, e in situazioni di poco spessore osseo, dove l’ implantologia non può essere adottata , si creano delle protesi mobili totali, comunemente dette dentiere, che andranno a riformare un’ arcata dentale completamente.
Le dentiere possono essere rimosse dal paziente in totale autonomia, e la loro applicazione al palato avviene attraverso le paste adesive commercializzate e facilmente reperibili.
Le protesi mobili totali sono ovviamente meno invasive e meno costose, ma hanno dei deficit di tipo funzionale poiché non sono componenti fisse, e spesso sono necessarie delle ribasature costanti fino a che il paziente non trova la corretta autonomia masticatoria e fonetica nella parlata e quindi una totale adesione del manufatto all’interno del cavo orale.

Protesi dentali estetiche

In certi casi, e per alcuni pazienti che ne hanno le caratteristiche morfologiche, e su loro richiesta ci sono delle componenti protesiche che possono ricoprire un ruolo fondamentale nell’estetica del volto e del sorriso, attraverso materiali e lavorazioni più ricercate e laboriose.

Parliamo ad esempio delle corone con ceramica integrale cioè senza l’anima in metallo , quella maggiormente utilizzata. La corona applicata sarà completamente naturale senza l’utilizzo di leghe o metalli e sembrerà molto simile ad un dente naturale come esteticità.

Intarsi a sostituire vecchie otturazioni

Altra metodica molto diffusa è rappresentata dagli intarsi in ceramica o composito, sempre più diffusi, grazie ai quali il paziente potrà rimuovere le le vecchie otturazioni e le amalgame utilizzate ricche di mercurio e materiali nocivi per l’ organismo, oltre che antiestetici e sgradevoli alla vista.

Faccette in ceramica utilizzate per gli elementi frontali per correggere inestetismi di forma e colore , per donare un sorriso splendente omogeneo.
La faccia della corona viene ricoperta o meglio sulla superficie viene incollata una faccia, detta faccetta, che crea una sorta di vestito donando lucentezza al dente e correggendolo da possibili inestetismi.

I materiali impiegati nelle protesi dentarie

I materiali utilizzati per la formazione e costruzione di protesi a uso odontoiatrico, sono tutti perfettamente compatibili con il corpo umano e applicano soltanto sostanze non tossiche per l’ organismo, m possono differire fra loro per utilizzo in base alle loro caratteristiche.

Le protesi dentarie in resina – i provvisori

La resina è un materiale flessibile, facilmente lavorabile, non molto applicata per protesi definitive perché è meno durevole nel tempo e più facilmente consumabile dopo anni e anni di utilizzo e di attività masticatoria.
La resina è molto utilizzata nella maggioranza dei casi per la fabbricazione di provvisori, sia di intere arcate che di porzioni o singoli elementi. In questi casi l’aspetto e il colore non sono piacevoli , leggermente più gialle alla vista, rispetto ai materiali più pregiati, proprio perché spesso viene usata come materiale per componenti provvisori.

Le protesi dentarie in ceramica

Le protesi dentarie in ceramica sono protesi esteticamente di impatto estetico elevato, completamente compatibili con l’organismo e con una durevolezza nel tempo molto ampia. Difficilmente cambiano colore a distanza di anni. La corona in metallo ceramica (o romo cobalot) è quella maggiormente utilizzata all’interno delle strutture odontoiatriche per realizzare i componenti definitivi, come ad esempio circolari, o ponti, anche se sempre più si cerca di allontanare la metodica delle leghe e si cerca di istruire il paziente per un utilizzo sempre maggiore della ceramica integrale, cioè una corona in ceramica totale senza un’anima o armatura interna che sia metallica.

Le protesi dentarie in zirconio

Lo zirconio è un materiale bianco notevolmente resistente usato per creare capsule dentali con un’ elevatissimo impatto estetico e funzionale, che viene poi ricoperto con la ceramica.
Lo zirconio viene lavorato con apparecchiature industriali ed è divenuto molto conveniente.

I vantaggi del zirconio sono:

  • una lucentezza e una colorazione bianca che perdura negli anni, molto superiore a qualsiasi altro materiale
  • una più limitata adesione alla placca batterica
  • bassa conducibilità termica, al fine di permettere al paziente nel mangiare cibi caldi e freddi sopportando una minore sensibilità
  • non trasparenza alla luce, quindi anche i denti neri possono rimanere, una volta ricoperti, ben mascherati e avere un ottimo impatto estetico
  • non presentano metallo e quindi sono perfettamente compatibili con l’organismo umano
  • offrono una notevole durevolezza nel tempo
  • estrema leggerezza, pesano fino ad un 50% in meno rispetto alle ceramiche

Insomma, i benefici e vantaggi rispetto alla ceramica, materiale usato nella maggior parte dei casi, sono molteplici: rimane ovviamente il fatto che il costo può essere leggermente superiore alla media a fronte dei benefici estetici e funzionali sopra indicati.

Questo materiale trova grandissima diffusione nel ambito dell’odontoiatria estetica , dove si eseguono coperture di elementi dentali o ricostruzioni di intere arcate sfruttando il massimo le caratteristiche che permettono una esteticità massima nel paziente.

Protesi in disilicato di litio

Il disilicato di litio è un materiale introdotto alla fine anni ’90 – inizio anni 2000. Di grandissimo impatto estetico, permette delle ricostruzioni estetiche ottimali, soprattutto dei settori frontali, cioè di quegli elementi più visibili nel sorriso di una persona, cioè dall’elemento 13 al 23 e dal 43 al 33.

Questo materiale viene utilizzato per la formazione delle faccette dentali, cioè dei rivestimenti sottilissimi della superficie del dente che permettono, diversamente dalla capsule che incorporano il dente, una maggiore esteticità ed evitano la prelimitaura del dente per incapsulare.
Questo materiale ha un altro importante vantaggio, ovvero il fatto di essere costituito dalla totale assenza di metalli nella loro costituzione, detto anche metal free, cioè privo di metalli, cioè perfettamente biocompatibile.

Nello specifico, il dissilicato di litio è una vetroceramica, con ottime proprietà estetiche, durevole e resistente nel tempo, che permette con determinate lavorazioni ottimi effetti estetici. È importante sottolineare che il costo di questo materiale è maggiore rispetto ad altri materiali di maggior uso comune, come ad esempio la metallo ceramica, a fronte di un impatto estetico di maggior rilievo.

I casi in cui può essere utilizzato un materiale rispetto a un altro devono essere definiti di volta in volta insieme al professionista che valuta l’aspetto clinico e le condizioni generali dello stato orale del paziente.

Una caratteristica molto importante di questo tipo di materiale è costituito dal grado di lucentezza, cioè dall’effetto estremamente naturale garantito in ogni condizione di luce naturale, artificiale, etc.) offrendo una traslucenza che permette di far sembrare il dente estremamente naturale in qualsiasi condizione.

I tempi solitamente richiesti per perfezionare la consegna di corone in disilicato di litio sono abbastanza limitati e si suddividono in tre tappe:

  • primo appuntamento: presa delle impronte (calchi)
  • prove intermedie con preparazione dei denti e consegna dei provvisori
  • terzo e ultimo appuntamento eventuale prova estetica per piccoli ritocchi e perfezionare dei dettagli
  • consegna del lavoro definitivo.