La tecnica All-On-4 è una metodica appartenente all’implantologia moderna, ed è stata considerata dai professionisti del settore un’importante innovazione in campo chirurgico dentale, siccome ha permesso a moltissimi pazienti di affrontare con successo un intervento implantologico.

Oggi questa tecnica è di largo utilizzo e adottata con elevato successo da migliaia di dentisti in tutto il mondo.

COMPILA IL FORM A FIANCO PER PRENOTARE UN APPUNTAMENTO

L'All-On-4 viene utilizzato dal professionista nei casi in cui il paziente presenti edentulismo, cioè è totalmente privo di denti naturali, perché magari già assenti da tempo, su una o entrambe le arcate.

Questa metodologia permette di ripristinare una dentatura quanto più naturale con costi relativamente contenuti, tempi decisamente rapidi, e senza eccessiva invasività per il paziente e quindi poco dolore.

Vantaggi dell'All on Four:

  • costi contenuti
  • pratica con elevato grado di successo e bassi rischi
  • applicazione della protesi nell'immediato, a poche ore dall'inserimento degli impianti
  • sorriso ripristinato in poche ore
  • intervento a basso impatto e dolore per il paziente
  • dolori post intervento contenuti
  • permette di riabilitare anche pazienti con poco osso ed evitare invasive operazioni di ricostruzione ossea
  • soluzione duratura nel tempo (può durare anche tutta la vita del paziente)
  • sorriso naturale
  • facile igiene personale della protesi applicata
  • soluzione idonea per pazienti più maturi e anziani
  • garantisce una funzionalità masticatoria ottimale, quasi naturale
  • abbandonare dentiere e protesi mobili

Attraverso il carico immediato, il professionista potrà, nella stessa giornata in cui si effettua l' inserimento degli impianti dentali, ancorare in modo fisso la protesi, e quindi ottenere fin da subito un'arcata esteticamente gradevole e un'attività masticatoria.

All'interno del Centro San Leonardo, il paziente arriva la mattina, viene fatto accomodare e in un paio di ore si effettua l' intervento implantologico. La sessione comprende la presa delle impronte preliminare che verranno inviate seduta stante al laboratorio odontotecnico che costruirà la protesi, e l'inserimento degli impianti (ovviamente il tempo può aumentare o diminuire se devono essere eseguite una o due arcate).

Trascorsa la mattina, il paziente potrà riposare, e nel pomeriggio verrà fatto nuovamente accomodare per procedere all'applicazione della protesi fissa sugli impianti inseriti. Tale procedura è abbastanza celere, per permettere verso tardo pomeriggio – sera di congedare il paziente, pur con le dovute accortezze e raccomandazioni.

Il successo e la particolarità di questa tecnica prevede l'inserimento di due impianti nella sezione frontale dell'arcata, posti parallelamente fra loro in modo quanto più perpendicolare, e due altri impianti situati nelle porzioni più posteriori delle arcate, leggermente inclinate-oblique (angolo di 30°), per andare a inserirsi e ancorarsi nella porzioni dove è presente la maggiore abbondanza di osso.

Questa obliquità ed inclinazione di 30° è stata brevettata e studiata, in quanto garantirebbe una maggior stabilità e una maggior forza alla componente protesica che poi verrà costruita sugli impianti e ancorata su di essi.

La metodica qui sopra descritta è molto simile alla precedente, con la differenza che l'all on 6 avviene su 6 impianti dove l'all on 4 poggia su quattro.

Nel concreto significa che l'odontoiatra procederà all'inserimento di 6 impianti dentali in una delle due arcate, oppure su entrambe: successivamente applicherà su di essi una protesi fissa.

In questa seconda metodica abbiamo l' inserimento di due impianti in più rispetto ai 4 canonici, per garantire una maggiore durevolezza dell'intervento con il passare degli anni, e conferire una maggiore stabilità alla componente protesica che successivamente verrà costruita e applicata all'interno del cavo orale del paziente.

Con la tecnica Toronto Bridge viene installata una protesi di 12-14 denti sorretta da 6 impianti: questa modalità si può eseguire sia sull'arcata superiore che su quella inferiore.

Dopo 3-6 mesi si procede ad applicare la protesi definitiva per consentire ai tessuti di guarire e agli impianti di osteointegrarsi, evitando i micromovimenti che possono danneggiare il processo di osteointegrazione.

Gli step dell’All on 6 comprendono:

  • l'estrazione dei denti ancora presenti ed eliminazione delle infezioni
  • l'inserimento di 6 impianti nell’arcata
  • l'applicazione della protesi provvisoria per proteggere i 6 impianti inseriti
  • l'applicazione della protesi fissa definitiva nei 3-6 mesi successivi dall’intervento

Gli All on Four e gli All on Six sono la soluzione ideale per abbandonare la vecchia protesi mobile. Queste varianti offrono diversi benefici fra cui:

  • Riduzione dei costi grazie al minore numero di impianti
  • Risparmio di tempo grazie alla possibilità di applicare tutte le protesi in un'unica seduta
  • Intervento chirurgico meno invasivo rispetto alle soluzioni tradizionali che impiegano un maggior numero di impianti
  • Possibilità di fare a meno della dentiera mobile
  • Nessun problema di mobilità a carico del paziente (la protesi è fissa)

Il vantaggio principale nell'utilizzo di queste tecniche consiste nella possibilità per un paziente di abbandonare definitivamente le dentiere e protesi mobili utilizzate.

In questo caso sono usate delle protesi assolutamente fisse, attaccate saldamente agli impianti dentali inseriti, quindi il paziente non avrà più difficoltà nella masticazione quotidiana di cibi o altro e non dovrà più rimuovere queste protesi se non con l'ausilio del dentista. Dunque avrà un supporto saldamente fisso all'interno della bocca e non più una componente mobile con tutti i disagi connessi.