Toronto bridge e protesi fisse a Padova

La tecnica Toronto Bridge prende il nome dall’omonima città del Canada nella quale fu presentata da Per-Ingvar Brånemark nel 1982. Da allora vennero sviluppate diverse varianti di questa metodologia.

La Toronto bridge che eseguiamo nel nostro centro a Padova è una protesi che viene applicata agli impianti sottostanti, solitamente a 4 o 6, e che funge da ponte (bridge) per ricostruire l’ intera arcata.

La protesi Toronto bridge può essere basata su 4 impianti dentali (All on four) e o 6 impianti (All on six) e permette di inserire 12-24 nuovi denti per ciascuna arcata. In questo modo si ottiene una distribuzione delle forze masticatorie più corretta. Grazie all’impiego di materiali di ultima generazione si possono ottenere protesi di lunga durevolezza e dall’elevata sicurezza.

La scelta tra la metodologia più conveniente tra All on four e All on six dipende dalla situazione specifica del paziente.

La protesi fissa Toronto Bridge prevede l’utilizzo della gengiva finta (flangia) in quanto quest’ultima nasconde gli impianti dentali: ciò permette di inserirli in qualsiasi punto senza dover rispettare i limiti della preservazione dell’estetica.

COMPILA IL FORM A FIANCO PER PRENOTARE UN APPUNTAMENTO

La Toronto Bridge viene realizzata per permettere alla gengiva di restare sotto la linea del sorriso.

I vantaggi della Toronto Bridge comprendono:

  • aspetto gradevole
  • ottima stabilità
  • trattamento meno costoso
  • trattamento non invasivo
  • tempi rapidissimi (in poche ore è possibile consegnare al paziente una protesi fissa)

Gli svantaggi della Toronto Bridge comprendono la gengiva finta (flangia), che il pazienta in genere non gradisce perché tema che si veda. La gengiva finta permette di coprire gli impianti sottostanti e di celare la mancanza di osso, quando la gengiva fa da punto di connessione fra gengiva finte e vera.

Per pulire la protesi si consiglia di ricorrere a idropulsori e scavolini.

Poiché la pulizia non è facile, si consigliano periodiche ablazioni del tartaro e almeno una visita l'anno per verificare le condizioni igieniche.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]